<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2290112331237017&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Chiara Guglielmini / Categories: Success Story, Systems Integration

SUCCESS STORY COMER INDUSTRIES: LA VIRTUALIZZAZIONE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO CON WORKSTATION CAD

L’azienda leader internazionale della meccatronica affida a Errevi System il progetto di virtualizzazione delle postazioni di lavoro CAD

 

 

Chi è Comer Industries
Comer Industries progetta e produce sistemi avanzati di ingegneria e soluzioni di meccatronica per la trasmissione di potenza, destinati ai principali costruttori mondiali di macchine per l’agricoltura e l’industria. Comer Industries sviluppa prodotti innovativi e contribuisce con la tecnologia alla crescita equilibrata e sostenibile del pianeta. Punta all’eccellenza per offrire ai clienti valore aggiunto nei prodotti e nei servizi. Comer Industries persegue una crescita profittevole, valorizzando un team di persone che affronta le sfide con talento, energia e passione.


 

LE ESIGENZE DELL'UFFICIO TECNICO DI COMER INDUSTRIES

Il business aziendale di Comer Industries, leader internazionale nella progettazione e produzione di sistemi avanzati di ingegneria e soluzioni di meccatronica per la trasmissione di potenza, si fonda comprensibilmente sull’operato del suo ufficio tecnico.
Per questo motivo, la direzione tecnica aziendale era intenzionata a rinnovare l’infrastruttura tecnologica dedicata alla progettazione, al fine di migliorare la qualità delle condizioni di lavoro dei progettisti 3D.

Nello specifico, era importante per l’azienda che i progettisti potessero accedere ai disegni CAD - elaborati mediante software Siemens NX - dalle diverse sedi aziendali o dei clienti, anche da semplici thin client o pc, senza essere vincolati alla propria workstation fisica. Inoltre, dal momento che Comer Industries si avvale anche della collaborazione di progettisti esterni, era necessario che questi ultimi potessero lavorare ai disegni senza dover trasferire e conservare i files grafici di proprietà dell’azienda sui propri hard disk interni ed esterni e senza installare software o plug-in per instaurare connessioni VPN al sistema PLM.

La direzione tecnica mirava poi a migliorare le prestazioni in termini di caricamento e salvataggio dei dati, nonché ad evitare blocchi di lavoro a fronte di problemi software/hardware delle workstation fisiche. In più era sempre più stringente la necessità di mantenere aggiornate le workstation in maniera uniforme in termini di applicativi e di ovviare alle problematiche di obsolescenza dell’hardware. In ultimo, l’ufficio tecnico aveva bisogno di maggiore scalabilità dell’infrastruttura ad esso dedicata, in ottica di futuri incrementi del numero di postazioni CAD.

 

UNA NUOVA INFRASTRUTTURA PER LA VIRTUALIZZAZIONE DELLE WORKSTATION CAD

La direzione IT di Comer Industries, a fronte della precedente positiva esperienza con la virtualizzazione dei desktop, era intenzionata a valutare se replicare l’esperienza nell’ambito dell’infrastruttura dedicata al CAD potesse rispondere alle esigenze manifestate dall’ufficio tecnico. Si è quindi rivolta all’azienda Errevi System, suo partner tecnologico da anni, alla quale aveva già affidato l’implementazione e la gestione della farm Horizon View e della SAN Storage.

Errevi System ha così formulato la sua proposta di infrastruttura, dimensionando l’ambiente ad hoc per le necessità esplicitate da Comer Industries. In particolare, il progetto di Errevi System ha previsto l’installazione di due server collegati in Fiber Channel alla SAN EMC di Comer Industries, opportunamente espansa in termini capacitivi e prestazionali. I due server si basano ognuno sull’utilizzo di due schede GPU NVIDIA e garantiscono ridondanza in caso di malfunzionamento o guasto di uno dei due. Per la messa in opera del progetto, la farm VDI VMware View già attiva dal cliente è stata integrata ed espansa con nuove licenze VMware Horizon Standard.

 

virtualiazione comer industries errevi system

Per ciò che concerne il backup & recovery della nuova farm VDI, Errevi System ha optato per Virtual Data Protection (VDP) di VMware che esegue un backup deduplicato dei dati su una destinazione NAS connessa tramite il protocollo iSCSI.

Il progetto ha previsto inoltre l’acquisizione di nuovi thin client da assegnare all’ufficio tecnico in sostituzione delle vecchie workstation. L’infrastruttura così progettata è stata installata, configurata e testata dal team di specialisti di Errevi System.

 

CAD

I BENEFICI DELLA NUOVA INFRASTRUTTURA PER IL CAD

A implementazione effettuata, Comer Industries ha potuto sin da subito beneficiare degli importanti vantaggi derivanti dalla virtualizzazione:

 

“Con le workstation CAD virtuali abbiamo ridotto drasticamente i tempi di manutenzione
e aggiornamento software delle macchine, a tutto vantaggio della continuità del lavoro dei progettisti. Inoltre, la flessibilità nell’utilizzo di risorse centralizzate, in termini di capacità di calcolo, ci permette, nelle ore notturne, di far girare pesanti calcoli di validazione virtuale
assegnando molte risorse, senza penalizzare gli utenti. In questo modo riduciamo i tempi di
calcolo fino al 40%” afferma Valentino Franch, Engineering Process Manager - R&D Department di Comer Industries.

 

Di seguito si riassumono i principali vantaggi derivanti dalla virtualizzazione delle postazioni CAD:

  • i progettisti possono adesso lavorare da qualsiasi terminale (thin client o pc) anche senza alcun software installato e alcuna potenza grafica;
  • le prestazioni di caricamento e salvataggio dei disegni CAD sono notevolmente aumentate;
  • i progettisti possono operare indistintamente dalla sede aziendale o, con semplicità di connessione mediante portale internet dedicato, da una sede remota lavorando nel proprio ambiente, mantenendo i disegni nel data center centrale e preservando così la proprietà intellettuale dell’azienda;
  • è complessivamente diminuito il dispendio energetico e le condizioni di lavoro all’interno
    dell’ufficio tecnico sono migliorate, dal momento che non vi sono più fonti di rumore e calore quali
    erano le workstation fisiche;
  • è garantito il ripristino istantaneo della progettazione a fronte di qualsiasi problema software o di
    anomalia delle workstation;
  • la soluzione consente di distribuire con semplicità e velocità le workstation virtuali, rendendo la
    gestione dei posti di lavoro molto più omogenea e rapida;
  • per il reparto IT è ora possibile gestire al meglio il processo di aggiornamento e manutenzione
    del parco macchine, poiché le installazioni dei software CAD-PDM-PLM sono centralizzate nel data
    center aziendale;
  • la soluzione presenta la possibilità di modificare nel tempo la potenza elaborativa e permette al
    reparto IT di assegnare le risorse in maniera differenziata a ciascuna macchina, in funzione delle
    necessità.


L’infrastruttura implementata è quindi altamente scalabile, per cui sarà facoltà di Comer Industries aumentare il parco macchine virtualizzato in funzione delle esigenze aziendali:

 

“Nel 2016 abbiamo installato 20 postazioni CAD Virtuali, configurando macchine con diverse
potenze di calcolo e diversi livelli di permessi agli utenti. Ora, raccolti e consolidati i benefici
che questa tecnologia mette a disposizione, andremo gradualmente a virtualizzare il parco macchine CAD di tutto l’ufficio tecnico” conclude Valentino Franch.

 

 

Autore dell'articolo: Chiara Guglielmini
LinkedIn